Le Università Telematiche: una nuova Rivoluzione Copernicana

L’informatica, come sappiamo tutti, ha cambiato radicalmente la nostra vita a tal punto che ormai non ce ne rendiamo nemmeno più conto. Pensiamo che ciò che possiamo fare oggi lo si è sempre potuto fare ma non è così. In particolare vi è un campo che è stato totalmente rivoluzionato da quando si è iniziato ad utilizzare internet: ci riferiamo al mondo delle Università.

Prima e dopo internet

Prima dell’avvento di internet molte persone, giovani e meno giovani, che avevano il desiderio di completare la loro istruzione con il conseguimento della laurea non potevano realizzare questa aspirazione a causa dell’impossibilità di conciliare il lavoro e lo studio.

Il massimo che si poteva fare era seguire dei corsi per corrispondenza, con l’avvento però del nuovo Millennio le cose sono radicalmente cambiate. Con la diffusione globale del web è stato possibile creare e organizzare, a partire dal mondo anglosassone, delle università telematiche cioè degli istituti universitari nei quali è possibile seguire le singole lezioni tramite internet.

La Rivoluzione Copernicana delle Università Telematiche

Ecco quindi la Rivoluzione Copernicana citata nel titolo di questo articolo: non è più lo studente che si reca all’Università ma è quest’ultima che si propone al discente tramite il web. L’unico momento nel quale lo studente deve recarsi materialmente all’Università Telematica è nel momento in cui deve sostenere l’esame afferente al corso di laurea che ha scelto. Essendo Università Telematiche queste ultime hanno delle sedi principali ma hanno anche sedi periferiche per venire incontro alle esigenze dei loro studenti.

Le Università Telematiche, in Italia, sono state stabilite tramite il Decreto del 17 aprile del 2003 dall’allora Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Letizia Moratti, in quota Forza Italia, durante il Secondo Governo Berlusconi. In questo documento è stato disciplinato l’accreditamento dei corsi universitari, specificando altresì tutti i diversi requisiti che le Università Telematiche devono avere per essere riconosciute legalmente.

Le 11 Università Telematiche in Italia

Attualmente nel Bel Paese vi sono 11 Università Telematiche riconosciute dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), le cui sedi principali sono sparse in tutta Italia, principalmente tra Roma e Napoli. La prima Università Telematica in assoluto a presentare istanza di accreditamento, nel lontano marzo 2004, è stata l’Università Guglielmo Marconi, la cui sede centrale è a Roma. L’ultima a essere nata è stata invece, il 12 Giugno 2006, l’Universitas Mercatorum, fondata dalle Camere di Commercio italiane, la cui sede principale è a Roma.

Di seguito riportiamo tutte le 11 Università Telematiche presenti in Italia e le loro sedi principali:

Università Telematica Pegaso  | Piazza Trieste e Trento, 48 – 80132 Napoli

Università San Raffaele | Via Val Cannuta, 247 – 00166 Roma

Università Mercatorum | P.zza Mattei, 10 – 00186 Roma

Università Telematica Internazionale Uninettuno  | Corso Vittorio Emanuele II, 39 – 00186 Roma

Università degli Studi eCampus |  Via Isimbardi 10 – 22060 Novedrate (CO)

Università degli Studi Giustino Fortunato | Viale R. Delcogliano, 12 – 82100 Benevento

Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza | Viale Regina Elena , 295 – 00161 Roma

Università degli Studi Guglielmo Marconi  | Via Plinio, 44 – 00193 Roma

Università degli Studi Niccolò Cusano – Telematica Roma  | Via Don Carlo Gnocchi, 3 – 00166 Roma

Italian University Line |  Via M. Buonarroti, 10 – 5122 Firenze

Università Leonardo Da Vinci  | Piazza San Rocco – 66010 Torrevecchia Teatina (CH)

PSB e le Università Telematiche

La PSB Srl è un’Agenzia per il Lavoro (APL) ed Ente di Formazione, accreditato dalla Regione Campania. Per quanto riguarda le Università Telematica, la PSB ricopre il ruolo sia di ECP (E-Learning Center Point) sia di sede di esami per l’Università Telematica Pegaso (ad Ariano Irpino, Provincia di Avellino) e per l’Universitas Mercatorum (sede di Bovino, Provincia di Foggia).

Per ulteriori informazioni contattare i seguenti recapiti:

Contatti 081/5704220 – 0815705650 – 0825/891818.

E-mail info@psbsrl.it / infoariano@psbsrl.it / infobovino@psbsrl.it