Un impiegato eccellente: ecco come si può diventarlo

Diventare un impiegato eccellente in un’azienda è un traguardo possibile. Ecco di seguito alcune preziose indicazioni

La strada per diventare un impiegato eccellente non è di certo facile ma comunque non impossibile, anche se si è alle prime armi. L’importante è saper sempre ponderare ogni gesto e mettere a frutto tutte le capacità e le competenze possedute.

Anche se non si ha alle spalle una grande esperienza lavorativa, è possibile diventare un impiegato eccellente proprio a partire dalle azioni che vengono compiute nei primi giorni e nelle prime settimane di lavoro. Pertanto, nel periodo iniziale trascorso in ufficio si dovrà eseguire un vero e proprio studio di tutto quanto accade: dalle mansioni eseguite al personale, con un occhio di riguardo soprattutto verso i propri superiori, di cui sarà importante comprendere anche il livello di meticolosità.

L’abito fa il monaco!

C’è un famoso proverbio che dice: “L’abito non fa il monaco”. In realtà, spesso, un buon abbigliamento e, più in generale, il presentarsi con un aspetto curato può suscitare già impressioni positive in chi ci osserva. Pertanto, oltre che nel giorno del colloquio propedeutico all’assunzione, è raccomandabile indossare, anche durante i primi giorni in ufficio, giacca e camicia. L’abbigliamento, successivamente, potrà essere modificato in relazione a come si mostrano generalmente il datore di lavoro e gli altri colleghi.

Occhio alla puntualità

Altro aspetto fondamentale per diventare un impiegato eccellente è il rispetto degli orari di lavoro: dunque, essere puntuali. Per ottenere questo obiettivo, sarà importante muoversi con anticipo da casa e calcolare ogni tipo di imprevisto, soprattutto se non ci si sposta a piedi ma si è costretti a prendere un’auto oppure mezzi di trasporto pubblico. Soprattutto nei primi giorni di lavoro, il mostrarsi rigorosi nel rispetto degli orari contribuirà a generare una certa stima da parte del proprio capo. Se si ha la possibilità di farlo, inoltre, si raccomanda di cominciare le proprie attività con qualche minuto di anticipo e magari di trattenersi anche un po’ oltre l’orario di chiusura dell’ufficio per concludere le proprie mansioni o per pianificare in anticipo quelle del giorno seguente.

Acquisire una sorta di “preveggenza”

Una delle caratteristiche principali di un impiegato eccellente è sicuramente il saper prevedere ogni mossa in anticipo da parte del proprio datore di lavoro. E’ una capacità che ovviamente non si acquisisce subito ma solo dopo un po’ di tempo: è fondamentale, infatti, osservare bene tutta la vita dell’azienda ed ascoltare con grande attenzione tutto ciò che viene comunicato, soprattutto durante riunioni ed incontri di formazione e aggiornamento. Adottando questi consigli, l’impiegato eccellente saprà, nel breve e nel lungo termine, intuire esigenze, scelte ed obiettivi da parte dei suoi superiori. Maturando questa sorta di “preveggenza”, saprà, così, farsi trovare pronto di fronte a qualsiasi situazione, anche quella più imprevista.

Non vantarsi, soprattutto davanti ai colleghi

Altro consiglio importante, per essere un impiegato eccellente, è il non vantarsi troppo delle proprie capacità, soprattutto dinanzi ai colleghi. E’ bene evitare, infatti, il nascere di gelosie e rivalità all’interno dell’organico aziendale. Si consiglia, sempre, di esaltare, soprattutto in manifestazioni ed incontri pubblici, l’aspetto del “gruppo”, dove non è il singolo ad emergere ma l’intera azienda grazie a tutte le  professionalità presenti al suo interno.

Lasciare a casa i problemi di vita privata

Infine, un impiegato eccellente deve saper accantonare i problemi della sua vita privata nel momento in cui entra in ufficio. Per quanto non sia sempre facile da attuare, questo consiglio vale soprattutto per coloro che devono rapportarsi quotidianamente con la clientela. Proprio questa è una delle doti che contribuirà, soprattutto nel lungo termine, a mantenere e ad accrescere la fiducia da parte del proprio datore di lavoro.