Seminario PSB per riconoscere e prevenire i disturbi alimentari

Si svolgerà domani, mercoledì 14 novembre, nella sede PSB di Bovino, in provincia di Foggia, un seminario gratuito sui disordini alimentari

La PSB Srl organizza gratuitamente un seminario sui disturbi alimentari, rivolto a tutti ma in particolare agli Operatori Socio Sanitari.

Durante l’incontro che si terrà il 14 novembre dalle ore 9.30 alle 13.30 a Bovino (FG), in località Tiro a Segno, si tratterà lo spinoso argomento dei Disturbi Alimentari, illustrato in modo semplice e coinvolgente attraverso la proiezione del cortometraggio “Io non ho bisogno di voi”, opera di Davide Gabriele Bianco.

Il seminario, organizzato in forma totalmente gratuita dalla PSB, sarà aperto dalla Dottoressa Giovanna Brancaccio, responsabile dei corsi PSB Srl ed è rivolto a tutti, sebbene pensato in particolare per quanti hanno seguito i corsi professionali per Operatore Socio Sanitario (OSS).

A moderare gli interventi sarà il docente Giuseppe Sorvillo e nel corso dei lavori verrà presentato il libro “In trasparenza”, edito da Mediterraneo, con l’autrice Loredana Biclungo.

Temi in discussione

Tra i problemi legati ai disturbi del comportamento alimentare uno dei più noti è senz’altro l’anoressia. Quest’ultima è generalmente considerata un disturbo dell’alimentazione, ma può diventare una vera e propria malattia mentale e chi ne soffre spesso rifiuta di riconoscerla. Nel corso della giornata di studio si illustrerà come momenti di particolare fragilità, quali l’adolescenza, situazioni di grave disagio o storie di violenza possono indurre a stati patologici gravissimi ed a volte anche mortali.

La gravità della condizione di anoressia viene classificata in base all’Indice di Massa corporea (IMC) o Body Mass Index (BMI), che nei soggetti normopeso oscilla tra 18,5 e 24,8 kg/m2. Si passa quindi dall’anoressia lieve (IMC>= 17 kg/m2) a quella moderata (IMC 16-16,99 kg/m2), a quella grave (IMC 15-15,99 kg/m2), ed infine a quella estrema (IMC<15 kg/m2).

Dal problema alle soluzioni

Per la cura dei disturbi dell’alimentazione è importante rivolgersi a centri specialistici che si occupano specificamente di questi problemi. In questo modo, è possibile effettuare prontamente una corretta diagnosi differenziale (cioè capire se si soffre di un vero e proprio disturbo dell’alimentazione) e dunque tutte le valutazioni specialistiche necessarie (psicologiche, psichiatriche, internistiche e nutrizionali), ricevendo così indicazioni corrette sul trattamento da seguire.

Il personale sanitario incoraggia verso una maggiore indipendenza ed autostima e la figura dell’OSS riveste spesso un ruolo di sostegno importante nel percorso di cura, considerando la persona nella sua interezza e facendola crescere anziché trattarla come malata. Infatti, la persona che si rivolge al centro specialistico ha bisogno di sentirsi compresa, ma nello stesso tempo di sentire di essere in una struttura dove questi disturbi sono conosciuti e affrontati con competenza.

                                                                                                                                                                                                                                                                                Federica Amodio

 

Seminario Disturbi dell'alimentazione a Bovino (FG)