Risolta protesta di alcuni operai a Caserta

Risolta, per il momento, la vertenza che ha visto come protagonisti i dipendenti dell’impresa che ha ottenuto l’appalto per la costruzione del Policlinico di Caserta.

A causa della mancata erogazione, per oltre 6 mesi, dello stipendio a loro dovuto i dipendenti dell’impresa che sta costruendo il Policlinico di Caserta hanno deciso di protestare recisamente contro questa situazione assurda.

La protesta in atto

Lunedì 24 settembre 2018 3 operai sono saliti su una gru del cantiere in questione. Dopo poco però sono stati indotti a scendere grazie al tempestivo intervento di due politici casertani appartenenti al Movimento 5 Stelle e a quello della Digos della Questura casertana. I due politici in questione sono Antonio Del Monaco e Agostino Santillo. Entrambi sono deputati della XVIII° Legislatura.

Del Monaco è un generale di brigata in ausiliaria mentre Santillo è un ingegnere.

Grazie al loro intervento è stato organizzato un incontro, tenutosi il giorno dopo (martedì 25 settembre), con il Ministro dello Sviluppo Economico (il pentastellato Luigi Di Maio) al fine di trovare il modo per pagare almeno una mensilità agli operai dell’impresa edile, la Condotte s. p. a. che ha in appalto la costruzione del Policlinico di Caserta.

La Condotte, dal mese di agosto, è in amministrazione straordinaria ma i funzionari, nominati dal Governo Italiano, posti alla guida di quest’ultima, per poter pagare i dipendenti dell’azienda devono essere autorizzati da un magistrato del Tribunale di Roma.

Un ulteriore problema deriva dal fatto che gli operai non sono direttamente alle dipendenze di Condotte, ma del Consorzio Concorsu, del quale il primo possiede il 99% delle quote societarie.

Il Policlinico di Caserta

Rispetto ad altre strutture in fabbricazione da parte della Condotte, il Policlinico di Caserta, voluto dall’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, è stato deciso che sarà ultimato vista sia per l’importanza del progetto sia per il fatto che ormai il lavoro è stato quasi completato.

I lavori iniziarono nell’ottobre 2003 e nel corso del tempo hanno subito diverse volte delle battute di arresto per diversi problemi finanziari.