REGIONE CAMPANIA, DUE MOZIONI PER I LAVORATORI AUCHAN E COMDATA

In data 3 luglio 2018 il Consiglio regionale della Campania ha approvato due provvedimenti a sostegno dei dipendenti delle aziende Auchan e Comdata, che rischiano la perdita del posto di lavoro

Importanti notizie dal Consiglio regionale della Campania, riunitosi nella sua sede presso il Centro Direzionale di Napoli in data 3 luglio 2018. L’assemblea, presieduta dal Vice Presidente Tommaso Casillo, ha ratificato in modo unanime, con 36 voti a favore, due mozioni per tutelare i lavoratori dell’ipermercato Auchan di Via Argine, a Napoli, e del call center Comdata di Pozzuoli, a serio rischio di licenziamento.

Le due questioni erano state già portate all’attenzione della Regione lo scorso 21 maggio con un sit-in all’esterno degli uffici dell’Isola F 13 da parte dei rappresentanti sindacali dei lavoratori, senza però trovare un adeguato riscontro. A causa, infatti, della mancanza del numero legale di consiglieri nonché di alcuni assessori, l’assemblea non aveva potuto procedere nello svolgimento delle sue regolari attività.

La vicenda Auchan di Via Argine

La prima delle due mozioni approvate ha riguardato la situazione dei lavoratori Auchan licenziati dalla sede di Napoli – Via Argine. La proposta, su iniziativa dei consiglieri Gianluca Daniele e Vincenza Amato, ha ricevuto il plauso dell’intera assemblea regionale. La minaccia di licenziamento aveva generato notevoli tensioni già a partire dallo scorso mese di maggio. Un gruppo di dipendenti dell’azienda francese aveva infatti occupato in segno di protesta alcuni depositi della sede di Via Argine, ostacolando la rimozione delle merci e delle insegne da parte degli addetti preposti a tale compito dalle autorità competenti.

Le circa cento famiglie dei lavoratori, messe a dura prova da questa decisione, saranno dunque tutelate con specifiche misure dall’ente di Palazzo Santa Lucia: nella mozione approvata in Consiglio, infatti, si è sottolineato con forza che le variazioni di appalto nell’ambito della grande distribuzione, proprio come dovrebbe accadere nel caso dell’ipermercato Auchan, non possono e non devono arrecare spiacevoli conseguenze al personale. In questa prospettiva, dunque, la Regione Campania svilupperà a breve un tavolo di concertazione al quale saranno invitate a partecipare le aziende coinvolte nella vicenda così come le rappresentanze sindacali.

La vicenda Comdata di Pozzuoli

Il Consiglio Regionale, sempre lo scorso 3 luglio, ha affrontato anche la questione dell’annunciato licenziamento dei lavoratori Comdata afferenti alla sede di Pozzuoli. Alla luce delle proteste del personale, iniziate già dallo scorso maggio, si è proceduto all’unanime approvazione di una mozione, a cura dei consiglieri Gianluca Daniele e Maria Antonietta Ciaramella. L’ente di Palazzo di Santa Lucia, con la stessa, si assocerà ai sindacati nel tentativo di evitare l’attuazione dei “tagli” annunciati dal noto call-center, continuando così a garantire un’occupazione ai circa 60 dipendenti della sede puteolana.