Navigator: 79mila candidati per 3mila posti

Scaduti i termini per presentare la domanda come Navigator, il maggior numero di candidati in Campania e Sicilia; per partecipare al test sarà decisivo il voto di laurea

Ieri, 8 maggio, sono scaduti i termini per presentare la domanda per diventare Navigator.

Sono quasi 79mila (78.788) i candidati, ma non tutti parteciperanno ai test selettivi.

Una prima scrematura, per arrivare ai 3mila posti, avverrà in base ai titoli e qui il voto di laurea diventerà fondamentale.

L’articolo 6 dell’avviso per Navigator, infatti, enuncia: Sono ammessi alla selezione i candidati in possesso dei requisiti di ammissibilità richiesti dall’art. 3 del presente Avviso, secondo un rapporto di 1 a 20 tra posizioni ricercate e candidature pervenute su base provinciale, in ragione del miglior voto di laurea.  In caso di parità verrà preferito il candidato più giovane di età.”

Navigator: i numeri regionali e provinciali

Il concorso per diventare Navigator è su base provinciale, questo vuol dire che i candidati, al momento della presentazione della domanda, dovevano anche indicare la provincia dove effettuare il test.

Quali sono i territori maggiormente coinvolti? Come è facile immaginare il Sud Italia ha il più alto numero di richieste: Campania (13.001), Sicilia (11.886), Puglia (9.191) e Calabria (6.977).

Molte richieste anche nel Lazio con 9.304 candidati.

La città con più aspiranti Navigator è però Roma con 7.092, seguita da Napoli (6.812), Palermo (3.503), Catania (2.758) e Salerno (2.457).

La distribuzione dei posti

Abbiamo appena visto il numero dei candidati che hanno presentato la domanda, ma per ogni provincia quanti sono i posti da assegnare?

Il maggior numero di Navigator opererà in Campania (471) con la sola Napoli che prevede l’impiego di 274 unità. Anche la Sicilia ha un grande fabbisogno di queste figure (429) con Palermo al primo posto delle province della regione (125).

Non mancano di certo le regioni del centro-nord e qui spiccano Lazio e Lombardia con, rispettivamente, 273 e 329 posti. A Roma sono destinati 195 unità.

Tra le altre regioni spiccano: Puglia (248), Calabria (179), Piemonte (176) ed Emilia-Romagna (165).

La formazione dei Navigator

Il presidente dell’Anpal – Agenzia nazionale per le politiche attive per il lavoro, Mimmo Parisi, ha parlato del concorso come un ulteriore passaggio per la piena applicazione del reddito di cittadinanza”. Inoltre, per chi sollevasse dubbi sulla piena operatività dei Navigator una volta assunti, ha dichiarato che saranno subito avviati alla formazione e saranno operativi già a partire dal mese di giugno.

Ricordiamo che, originariamente, il Navigator doveva orientare i destinatari del Reddito di Cittadinanza, tra le diverse offerte di lavoro.

Recentemente, però, tale figura ha subito un ridimensionamento. Infatti, in funzione sempre dell’inserimento lavorativo, avrà la funzione di assistenza alle unità lavorative dei centri dell’impiego.

Nonostante ciò, c’è sempre bisogno di una forte formazione in maniera tale da renderli subito operativi. Sono previsti corsi di formazione on the job che dovrebbero durare tra i 6 e gli 8 mesi.

I 3mila Navigator saranno assunti con un contratto di collaborazione fino al 30 aprile 2021.

Francesco De Fazio