Maxi Concorso della Regione Campania partirà presto

Previste 10 mila assunzioni a tempo indeterminato per i giovani della Campania. Saranno impiegati negli Enti Locali e presso le Corti di Appello di Napoli e di Salerno

Consegnato al Ministro Buongiorno il testo del concorso che darà accesso alle assunzioni in 300 comuni campani. Entro fine mese sarà pubblicato il bando sulla Gazzetta Ufficiale.

Il Bando del Maxi Concorso più grande degli ultimi venti anni

I ranghi della Pubblica Amministrazione sono oramai ridotti al lumicino da venti anni di blocco del turn-over e praticamente tutte le amministrazioni sono in affanno perché non è stato possibile sostituire quelli che sono andati in pensione in questo interminabile periodo. A cambiare tutto ed a fornire i necessari rinforzi sta arrivando il concorso del secolo, fortemente voluto dal Governatore della Campania Vincenzo De Luca.

I posti a concorso, ricordiamolo a tempo indeterminato, sono finalizzati quindi a ricostituire le piante organiche degli enti locali campani. L’ultimo adempimento prima della pubblicazione istituzionale è la consegna del bando al Ministero della Funzione Pubblica. Questo è quanto ha dichiarato lo stesso Governatore durante una manifestazione all’Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa.

Per essere effettivamente operativo a giugno, il bando dovrà essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello Stato entro la fine del mese corrente, altrimenti tutto slitterà ad altre date. Quello che si attende realmente, però, è l’OK del Ministro Giulia Buongiorno sull’intera pianificazione della Regione Campania in materia di lavoro pubblico.

Concorsi e Reddito di Cittadinanza

La strada intrapresa da De Luca è agli antipodi con quella sottintesa dalla misura del Ministro Di Maio del Reddito di Cittadinanza. “Abbiamo dovuto gestire qualche ritardo, ma diamo posti di lavoro a tempo indeterminato nel pubblico impiego in 300 Comuni sul territorio regionale, a cui si aggiungono le Corti d’appello di Napoli e Salerno”, queste sono le parole usate dal Presidente della Giunta Regionale.

Il nodo da sciogliere è però quella dell’esperimento preventivo delle procedure di mobilità, previste dalla normativa nazionale in materia di assunzioni e concorsi pubblici. Ricordiamo che la legge prevede il 20 per cento dei posti messi a concorso da indire preventivamente con procedure di mobilità.

Il Governatore ha chiesto una deroga per accorciare i tempi della pubblicazione del bando per i diecimila posti a tempo indeterminato. “Procederemo per via parallela”, ha anticipato De Luca. “Noi pensiamo di far partire comunque la gara, in maniera tale da poter espletare il concorso per l’estate e mandare a lavorare i primi giovani per la ripresa a settembre”.

Date e tempi e costi del programma operativo

La road map del programma è stato definito a Roma il 18 marzo scorso con un incontro tra il ministro per la Pubblica Amministrazione e Vincenzo De Luca. La parola è ora alla Commissione interministeriale Ripam, attraverso l’ausilio del Formez. Ben 106 milioni di euro verranno riversati per la realizzazione del progetto, racimolati tra il Fondo Sociale Europeo ed il Fondo per lo Sviluppo e la Coesione.

Già da metà del mese di marzo è on-line sul sito istituzionale della Regione Campania il manuale operativo per le procedure di concorso da parte delle amministrazioni. Sul sito sono indicati anche gli Enti aderenti all’iniziativa. Per quanti volessero verificare se il proprio Comune ha aderito all’iniziativa, l’URL è il seguente: https://www.concorsiuniciregionali.gov.it