Lavorare grazie alla Cultura, opportunità da non perdere

L’alternanza scuola-lavoro può avere una nuova possibilità di successo grazie alla sua estensione anche in ambito culturale

L’alternanza tra il mondo dell’istruzione e il lavoro è possibile anche in ambiti che potrebbero sembrare, a un primo sguardo, lontani anni luce dall’universo occupazionale.

Enti e istituzioni culturali possono rappresentare il fulcro per far emergere un gruppo di giovani, fortemente motivati e preparati a lavorare in ambito culturale.

La Cultura rende, se ci si prepara

La Pearson Italia SpA, società per azioni italiana (di proprietà britannica) legata a doppio filo all’editoria scolastica e universitaria, ha deciso di organizzare un progetto d’avanguardia che coinvolga insieme la Scuola e la Cultura del Bel Paese.

A questa lodevole iniziativa hanno già risposto positivamente 16 istituzioni culturali italiane e circa 400 alunni degli ultimi due anni di liceo, provenienti questi ultimi da 8 regioni.

Le istituzioni, provenienti principalmente dalla Lombardia, dalle Marche, dal Piemonte e dal Veneto, rappresentano il top della Cultura italiana.

Tra queste possiamo citare: il Museo Egizio di Torino, l’Oratorio di San Giovanni Battista di Urbino, il Museo del Novecento e il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci entrambe di Milano, le Residenze Reali del Piemonte.

Il progetto prevede anche la prestigiosa collaborazione internazionale con il Planetario di Amburgo.

Venaria Reale, Torino
Venaria Reale, Torino

Obiettivi del progetto

Il nome del progetto, voluto dalla Pearson Italia SpA, dice molto dello spirito dell’iniziativa: “I giovani raccontano il patrimonio”.

Tramite questa iniziativa si vuole favorire un primo contatto, da parte dei discenti, con l’universo lavorativo grazie ad un’esperienza sul campo nelle istituzioni culturali italiane, tra le più prestigiose del mondo.

In questo modo si darà inizio a un percorso di crescita, da parte di questi ragazzi, che li porterà a diventare i professionisti culturali del futuro.

Sottomarino al Museo Leonardo da Vinci di Milano
Sottomarino al Museo Leonardo da Vinci di Milano

Come preparare il nostro domani culturale

Per preparare i futuri operatori culturali, la Pearson ha compreso la necessità di individuare una corretta comunicazione diretta ai giovani studenti, soggetti dell’iniziativa.

Le istituzioni partner del progetto dovranno dunque realizzare prodotti in diversi formati (dall’interattivo al cartaceo) per raggiungere gli altri studenti, così da renderli partecipi dell’iniziativa.

Alternanza scuola-lavoro

Il progetto “I giovani raccontano il patrimonio” prevede una quota ore da svolgere presso la Pearson per comprendere come lavora una Casa Editrice e un’altra volta alla realizzazione dei materiali promozionali delle istituzioni museali afferenti al progetto.

Annualmente è stato previsto un apporto di novanta ore di alternanza scuola-lavoro.